Visitatori online

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online

 

 

 

 

ORARIO RICEVIMENTO

A+ A A-

Ultime News

Ormai è appurato che la quasi totalità delle banche applica sui conti correnti interessi usurai. Fino a qualche anno fa il cittadino aveva paura di proporre azione giudiziaria alla propria banca temendo revoca dei fidi, mutui etc. Da orami 5 anni si sono appurate con sentenza le illegalità delle banche che subito provvedono a pagare le somme illegalmente sottratte.

Il Codacons Caserta ha ottenuto per tanti consumatori la restituzione di questi importi. Occorre solo una piccola spesa per la redazione di un’apposita perizia.

C’è da considerare che in 10 anni su mutui, fidi etc. le cifre sottratte possono superare i €150.000,00, come già accaduto, ed in virtù del fatto che il sistema bancario è praticamente interdetto ai cittadini, non c’è da temere alcuna ritorsione.

Pertanto vieni al Codacons Caserta e fai il tagliando a tutti i tuoi conti correnti ed a tutti i contratti bancari degli ultimi 10 anni. Occorre chiaramente che la documentazione sia completa. Se non ne sei ancora in possesso, inizia a richiederla alla tua banca.

Leggi tutto...

Il Comune di Caserta già dall’inizio degli anni duemila era salito alla ribalta delle cronache nazionali per l’incredibile numero di multe elevate ai cittadini casertani grazie ai traffiphot, ovvero quegli infernali dispositivi applicati sui semafori che consentivano l’immediata contravvenzione a chi fosse passato con il rosso.

Questa l’intenzione. La realtà fu invece che si accertò che la durata del segnale giallo non era pari ai dovuti 5-6 secondi ma bensì ridotta illegalmente ai 3,5 -3,9 secondi. Questa semplice riduzione di tempo costò ai cittadini casertani un numero incredibile di multe. Oltre a ciò la beffa perché le sanzioni inflitte erano per il 70% incassate non dal Comune ma dalle società che avevano installato gli infernali dispositivi.

Dopo molti esposti presentati dal Codacons Caserta e centinaia di migliaia di multe elevate, il Comune di Caserta, onde evitare processi penali così come accaduto per altri 14 Comuni della Provincia, ha disinserito i traffiphot.

Sembrava che potesse iniziare un nuovo corso, una nuova trasparenza nei rapporti tra il Comune ed i cittadini ed invece l’Ente se ne è inventata un’altra: VARCO ATTIVO – VARCO NON ATTIVO. Tale dizione non è presente nel codice della strada. Si tratta di una formula ambigua per indurre in errore il cittadino ed elevargli una salata contravvenzione pari a € 80,00. Questa volta il Comune di Caserta non è l’inventore di questa ennesima truffa ai cittadini in quanto ha copiato da altri Comuni quali quelli di Roma, Gaeta, Perugia etc. Tanti sono i cittadini che si sono rivolti alla nostra associazione per far rilevare l’inganno ricevuto. È chiaro che leggendo la scritta VARCO ATTIVO - VARCO NON ATTIVO qualunque persona di media intelligenza o come cita il codice, qualunque “buon padre di famiglia” ritenga che il passaggio della propria autovetture nella ztl sia legittimo. Invece no, l’inganno è clamoroso ed è l’ennesimo torto che noi casertani ci ritroviamo a sopportare.

Caro Sindaco Del Gaudio, ci appelliamo al Suo buon senso ed alla Sua invocazione alla trasparenza degli atti amministrativi che ha lanciato nella campagna elettorale che l’ha vista eletto affinché:

A) Modifichi la dizione sostituendo “VARCO ATTIVO - VARCO NON ATTIVO” con una dizione conforme al codice della strada;

B) Evidenzi, così come in tutti i varchi delle ztl presenti nel 99% delle città d’Italia con cartelloni alti almeno un metro, posti in luoghi visibili, l’esistenza della ztl e del suo regolamento.

Siamo certi che il nostro Sindaco interverrà al più presto e non ci farà ripercorrere i tempi bui trascorsi durante i quali il Comune di Caserta risultò al primo posto in Italia per contravvenzioni elevate.

Leggi tutto...

AZIONE LEGALE PER STORNO E/O RIMBORSO IMPORTI RICHIESTI DA SOCIETA' PER ATTIVAZIONE SERVIZI TELEFONICI CON CONSENSO VOCALE

A seguito di attivazione di servizi telefonici "Voce e ADSL" con consenso vocale prestato dall'utente/consumatore, Tizio -nonostante MAI abbia sottoscritto alcun contratto telefonico con la società Gamma per acquisto di prodotti e/o servizi della stessa - riceveva presso la propria abitazione la proposta di contratto (da sottoscrivere e spedire alla società: Tizio MAI ha sottoscritto e spedito la predetta proposta di contratto) e fatture con richieste di pagamento per SERVIZI MAI RICHIESTI ED USUFRUITI.

La delibera AGCOM (che ha valore vincolante per gli operatori ) parla chiaro circa gli obblighi da rispettare nella comunicazione di offerta di sottoscrizione di servizi tramite telefono:"L'Autorità ha stabilito che il modulo firmato ha validità ai fini dell'attivazione dei servizi richiesti dall'utente e della risoluzione delle controversie; pertanto, l'operatore è tenuto ad attendere la ricezione del modulo firmato prima di dar seguito alla richiesta di attivazione dell'utente."

Nel caso di specie non vi è utente della società Gamma nè accordo o contratto con cui una delle parti contraenti abbia dato assenso: onde è inesistente per assenza di accordo.

La società è stata ritenuta colpevole per aver posto in essere una pratica commerciale sleale, nonchè per aver assunto un atteggiamento omissivo nel controllo dei propri operatori e funzionari addetti alle vendite ed emissione di fatture e Tizio ha ottenuto lo storno e /o il rimborso degli importi richiesti dalla società per l'attivazione dei predetti servizi telefonici e risarcimento pari ad € 250,00.

Leggi tutto...

Powered by VPMNETIT | © Studio Legale Gallicola. All rights reserved.