Visitatori online

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

A+ A A-
Super User

Super User

URL del sito web:

PROGETTO RECUPERO IVA

Pubblicato in Ultime News
 
La Confesercenti Provinciale di Caserta in collaborazione con il CODACONS Caserta fa sapere che le imprese produttrici operanti nella provincia di Caserta pagano l’IVA sulla fornitura di energia elettrica al 22% anziché al 10% come previsto dalla legge. Confesercenti Caserta e CODACONS propongono alle imprese associate il recupero delle somme indebitamente versate nei precedenti 10 anni.
Tutti gli interessati possono rivolgersi allo sportello informativo attivo presso la sede della Confesercenti Provinciale di Caserta dal lunedì al venerdì dalle
9:00 alle 18:00
0823 341533
 

Avv. Maurizio Gallicola

Responsabile Codacons Caserta

Via Caduti sul Lavoro n. 38 - 81100 - Caserta

Tel. 0823 355241

 L’ennesimo successo ottenuto in giudizio a favore dei nostri consumatori   avverso le principali società idriche che quotidianamente inviano bollette pazze e illegittime basate su inverosimili consumi anomali stimati; cmq mai rilevati o segnalati all’utente.

 La sig.ra C.A. riceveva fatture di euro 1138 per un consumo d 174 mc. L’utente da 10 anni aveva un consumo annuale di massimo 100 mc. Secondo le disposizioni Arera dicesi fattura pazza la fattura che indica un consumo almeno il doppio rispetto ai consumi annuali degli anni precedenti.

In questo caso il consumo era almeno sei volte in più.

Spetta in questi casi l’obbligo di avvisare l’utente dell’eccessivo consumo. Italgas non ha provato di aver avvisato l’utente: pertanto come da recente Cassazione la fattura va stornata.

Il G.d.P. di Caserta Dott. Vestini: accoglieva tale tesi disponendo lo storno delle fatture.

Ennesimo traguardo raggiunto.

Avv. Maurizio Gallicola

Responsabile Codacons Caserta

Per informazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0823 355241

Fenomeno sempre più diffuso è il c.d. “phishing” ovvero prelievo illegale sui conti correnti e sulle carte postepay.

Solo nei primi quattro mesi dell’anno sono venute 12 persone che hanno riscontrato sul proprio conto corrente prelievi illegali in particolare i possessori di carte postepay.

E’ importantissimo che il consumatore sappia che allor quando si va a presentare denuncia, se si dichiara all’autorità giudiziaria che ha fornito tutti i codici di accesso all’operatore o li ha scritti sui social network, le possibilità di recuperare i soldi sono zero.

Infatti se è vero che la Cassazione ha stabilito che spetta alla banca l’onere di provare che ha usato tutte le cautele per evitare il prelievo, compreso l’avviso dell’operazione con sms o con mail, è pur vero che qualora il cliente è stato lui stesso a fornire i propri codici la causa sarà perduta.

Altro consiglio utile è quello di barrare nel contratto la casella che prevede l’avviso sistematico di tutte le operazioni e di chiedere l’invio mensile dell’estratto conto.

Pertanto se doveste accorgervi che sul conto corrente sono state effettuate operazioni illegali prima di effettuare la denuncia chiamate subito il Codacons Caserta, il numero uno in Campania !!

 

Avv. Maurizio Gallicola

Responsabile Codacons Caserta

Per informazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0823 355241

Powered by VPMNETIT | © Studio Legale Gallicola. All rights reserved.