Visitatori online

Abbiamo 9 visitatori e nessun utente online

 

 

 

 

ORARIO RICEVIMENTO

A+ A A-

LA PRESCRIZIONE MEDICA DI CHEMIOTERAPIE O RADIO DA DIRITTO ALLA PENSIONE D’INVALIDITA’

Affronto oggi un tema che mi sta molto a cuore sia come avvocato, in quanto specializzato in diritto previdenziale e pensionistico, ma soprattutto come una persona a cui in un soleggiato giorno d’estate gli viene diagnosticata una grave malattia, di quelle che solo pochi anni fa ti erano concessi solo pochi mesi di vita.

Una Tac, una giovane dottoressa con gli occhi gonfi di lacrime non sa come dirti che dal referto è emerso un quadro più che drammatico.
Il percorso al buio degli Ospedali di Bologna, Siena e Milano , come in un tunnel senza fari, con il dolore nel guardare i propri figli pensando che non potrai più proteggerli.
Dopo 4 mesi la diagnosi poi la chemio, tanta chemio.
E poi la tristezza di vedere che centinaia di persone, bambini tanti bambini vivono la tua stessa sofferenza.
Tutto ciò che solo un mese prima ti sembrava una montagna insormontabile: stress, lavoro, contrasti personali, soldi, Equitalia ecc.. ti sembrano ora il nulla, quasi ti evocano la nostalgia per aver vissuto problematiche cosi misere.
Questa premessa, questi flash sono indispensabili per capire che in questi momenti è davvero difficile avere altri pensieri che non la propria salute.
Sperando di non aver rattristato le tante persone che hanno vissuto la mia stessa esperienza o i familiari di coloro che ce l’hanno fatta, e vado dritto alla ragione del mio comunicato.
Sono tantissime le persone che presentano la domanda di invalidità all’Inps , molti mesi dopo la diagnosi addirittura dopo aver effettuato la chemio o la radio terapia.
Si ricorda che il beneficio pensionistico viene liquidato economicamente dal 1° giorno del mese successivo al riconoscimento dell’invalidità.
Quindi allorquando si ha una diagnosi definitiva , consiglio:
recarsi dal medico di base con tutti i referti medici ospedalieri (accertamento effettuati presso centri medici privati hanno scarso valore medico – legale)
chiedere al medico di base di inviare telematicamente all’Inps il certificato telematico da presentare per le seguenti domande: pensione di invalidità , pensione di inabilità Inps per chi ha minimo 5 anni di contributi di cui 3 nell’ultimo quinquennio, pensione di invalidità civile + indennità di accompagnamento all’Inps e domanda per benefici Legge 104/92.
Occorre portare presso lo studio legale Gallicola – Codacons Caserta il certificato telematico predisposto ed inoltrato dal medico di base e tutta la documentazione medica insieme ad in dati anagrafici al fine di poter avviare la domanda amministrativa per il riconoscimento della prestazione richiesta. 

Powered by VPMNETIT | © Studio Legale Gallicola. All rights reserved.